No to racism

Foto della BBC

Foto della BBC

Recentemente abbiamo fatto delle ricerche in classe sul Razzismo nello Sport, abbiamo notato che se ne parla spesso nel calcio, ma negli altri sport? Noi diciamo che esiste! Nel Basket è molto raro, anche perché i migliori giocatori sono di colore. Si sono verificati vari esempi di razzismo in questo sport. Molti giocatori e giocatrici sono stati discriminati con nomignoli dispregiativi, insulti che hanno riempito  i palasport sono stati lanciati anche sputi contro le persone di colore.

Razzismo nel basket, sputi e insulti a una giocatrice di colore

Abiola Wabara

Comunque nonostante sputi e insulti gli sportivi che sono stati discriminati giocano con grande determinazione. Sulle vicende che si sono verificate molti tifosi si sono scusati per il loro comportamento su FaceBook mentre altri sono rimasti dell’idea che gli uomini e le donne di colore non saranno mai alla loro altezza

 

Nel calcio possiamo dire che il razzismo è fresco di giornata, infatti in molte partite si verificano avvenimenti di razzismo a partire dai cori rivolti a tifosi di altre squadre/regioni o direttamente al giocatore in particolare, in genere contro calciatori di colore. Inoltre possono avvenire degli scontri causati per questi motivi. Nel caso di Mario Balotelli, capita di sentire cori razzisti ma, in genere, si esagera a chiamarli cori razzisti.Il razzismo si è radicato in antichità nell’uomo e oggi è molto comune. Per esempio nel tempo dei romani e dei greci, le persone diverse erano trattate differentemente. Anche i coloni credevano che le altre popolazioni diverse erano da sottomettere.

31 gennaio 1865 – 149 anni fa viene abolita la schiavitù da A. Lincoln –

Infatti in America, solo nel 1863 venne abolita la schiavitù da Lincoln, anche se le persone di colore vennero comunque sfruttate e disprezzate. Guardando oggi l’America, dopo molte guerre, è diventato uno stato libero ed indipendente. Negli ultimi mesi sono stati postati degli articoli su Nelson Mandela, morto il 5 Dicembre 2013, e abbiamo visto recentemente il film “Invictus”. Nelson mandela viene interpretato da Morgan Freeman. Questo film narra della squadra di rugby del Sudafrica, che rappresentava in un certo modo l’apartheid anche per i suoi colori e i membri della squadra, che erano tutti bianchi. Ma con l’aiuto di “Madiba” riuscirono a diventare i rappresentanti  del Sudafrica unendo tutti. Tutto questo grazie a uno sport. Per cui possiamo dire che il rugby ha avuto un  grosso impatto con il cambiamento della socetà.

“La pratica dello sport è un diritto dell’uomo. Ogni individuo deve avere la possibilità di praticare lo sport senza discriminazioni di alcun genere e nello spirito olimpico, che esige mutua comprensione, spirito di amicizia, solidarietà e fair-play.” Carta Olimpica

Gruppo Foto 3a (Martino, Lorenzo, Allegra, Melusina, Federico)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...