GABRIELE D’ANNUNZIO INFLUENCER D’ALTRI TEMPI

Il poeta Gabriele D’Annunzio influenzava le scelte di marketing. Già nel 1907, avvertendo i cambiamenti sociali ed economici in atto egli aveva compreso l’importanza di un’immagine capace di indirizzare i consumi verso un obiettivo predefinito e si era convinto di poter diventare egli stesso quell’immagine. Intuendo quindi la forza espressiva del testimonial aveva brevettato l'”Acqua Nunzia”, un profumo che era sicuro di vendere grazie al proprio nome.

Possiamo quindi immaginare che se D’Annunzio fosse vissuto ai nostri giorni probabilmente sarebbe stato un famoso influencer.

Chiara Ferragni, famosa influencer dai 15 milioni di followers, ha sponsorizzato l’acqua Evian con il suo marchio facendo arrivare il costo di una bottiglietta a 8 euro.

Altra caratteristica in comune con la Ferragni è la capacità di inventare nuove parole.

D’Annunzio ha inventato il nome dei famosi grandi magazzini “La Rinascente” e ha brevettato il termine tramezzino (ex sandwich da ordinare “tra” o “in mezzo ai due pasti”).

La Ferragni ha inventato il termine “FERRAGNEZ”, che deriva dal suo cognome e dal nome d’arte del marito: Fedez.

Carta dei diritti internet

“Il 28 luglio 2015 la presidente della Camera Laura Boldrini ha presentato la Dichiarazione dei diritti in internet, documento fondamentale per garantire a ciascun individuo l’esercizio di una cittadinanza digitale attiva nel rispetto della libertà, della dignità e della diversità di ogni persona…”(clicca qui per continuare a leggerla sul sito dei generazioni connesse)

La fattoria degli animali: un romanzo attualissimo

A distanza di anni ripubblichiamo nella homepage questo articolo, per condividerlo durante la lezione sulla “propaganda comunista”

__________________________________________________________________________________________

La fattoria degli animali (film completo) 1957 

Tutta la redazione della 3° secondaria è impegnata nella visione del film (dopo la lettura del libro di Orwell) in compagnia di Napoleone, Palla di Neve, Vecchio Maggiore soprattutto di Clarinetto (cit. “Di lui si diceva che poteva far passare il nero per il bianco”). Parleremo di propaganda, regimi ed educazione. Preparate i pop corn!

Immagine correlata

Elezioni europee 2019

Dopo aver approfondito l’Unione Europea, guardiamo insieme questo video sulle prossime elezioni. Sono passati 40 anni dal primo voto per il parlamento europeo, che risale al 1979, da allora le elezioni si sono avvicendate ogni cinque anni. Tutti i cittadini, a partire dal 18° anno di età hanno il diritto/dovere di votare, per candidarsi è invece necessario avere compiuto 25 anni.
Se potessi fare una domanda ad uno dei futuri parlamentari, cosa chiederesti?
Per maggiori informazioni sul voto clicca qui
Per verificare le tue conoscenze sull’U.E vai al quiz