Propaganda del Fascismo

La propaganda è l’arte di persuadere attraverso diversi strumenti di comunicazione. Con la prima guerra mondiale, la propaganda è diventata un componente essenziale della vita politica. Le potenzialità dei mezzi sono state usate dai “regimi totalitari” come mezzi di persuasione. Oggi il la parola “propaganda” ha assunto un significato negativo in quando richiama un idea di manipolazione e di informazione distorta.

Gli strumenti di propaganda:
La stampa: era sottoposta ad uno stretto controllo del governo; con la promulgazione delle “Leggi Fascistissime” Mussolini dispose che ogni giornale, prima di essere pubblicato, fosse sottoposto ad un controllo. Non era permesso pubblicare notizie di furti, violenze o atleti Italiani sconfitti perché il Fascismo doveva essere simbolo di sicurezza.

La radio: era uno degli strumenti più efficaci perché raggiungeva anche le persone meno alfabetizzate. Nei primissimi anni del suo governo Mussolini fu diffidente sulle potenzialità commerciali e propagandistiche che la radio aveva, ma nel 1924 venne messa in funzione la prima stazione trasmittente da parte dell’URI (Unione Radiofonica Italiana). Sei anni dopo anche Milano e Napoli misero in funzione delle stazioni trasmittenti e a questo punto Mussolini comprese l’importanza del nuovo media e fu creata una nuova società, la famosa EIAR (Ente Italiano Audizioni Radiofoniche, che nel dopoguerra diventerà RAI).Mussolini fece uso delle radio soprattutto nelle scuole. Si trasmettevano i discorsi del Duce e le marce militari, i programmi letterari erano preceduti da introduzioni che davano un interpretazione fascista dei brani letti.

Cinema: Il cinema serviva a proiettare cinegiornali informativi sul Duce, che non poteva essere interpretato da un qualsiasi attore, e venne affidato all’istituto LUCE (L’Unione Cinematografica Educativa) il compito di produrre documentari sulle imprese Fasciste. Fu resa obbligatoria la visione di alcuni film: Camicia Nera , Condottieri e Vecchia Guardia.

Risultati immagini per propaganda del fascismo

FONTE: Appunti della prof.ssa Fanelli

Pietro

______________

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...