la violenza contro le donne

secondo me nessuno dovrebbe toccare le donne perchè sono sacre e delicate un uomo che fa queste cose e un vigliacco perchè agisce senza ragione e senza pensare al dolore che causa.

Gabriele

No alla violenza contro le donne

La giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne é stata istituita partendo dall’assunto che la violenza contro le donne sia una violazione dei diritti umani.Tale violazione é una conseguenza della discriminazione contro le donne,dal punto di vista legale e pratico,e delle persistenti disuguaglianze tra uomo e donna.Si festeggia il 25 novembre.E questa discriminazione deve essere eliminata il prima possibile

Immagine correlata

 

#noallaviolenzasulledonne

Negli ultimi anni ci sono state tante violenze sulle donne. Queste violenze, ma anche tutte le violenze in generale, non dovrebbero esistere perché è uno scandalo violentare addirittura delle donne senza motivo .

Spesso anche le ragazze tra i 10 e i 15 anni vengono violentate da sconosciuti o perfino dai parenti .

Secondo me violentare una ragazza o una bambina è un gesto crudele, in più, per me dovrebbero punire più severamente il violentatore perché, ormai, ha rovinato la vita di quella ragazza o quella donna per sempre.

Elena F.

#noallaviolenzacontroledonne

Il 25 novembre è la giornata contro la violenza sulle donne. Questa data è stata scelta dalle Nazioni Unite nel 1999, tramite la risoluzione numero 54/134 ; in ricordo dell’ orrendo assassinio nel 1960 delle tre sorelle Mirabal, uccise perché erano contro il dittatore della Repubblica Domenicana che per 30 anni tenne il paese nell’ arretratezza e povertà.

Le tre sorelle Mirabal insieme con i loro mariti, avevano creato il “ Movimento 14 giugno”, un esteso gruppo politico clandestino che si opponeva al dittatore domenicano.  Proprio il 25 novembre 1960 le tre donne furono torturate e uccise. L’ ONU invita dunque tutti i governi e le istituzioni ad organizzare il 25 novembre, iniziative destinate a sensibilizzare l’opinione pubblica , sul problema della violenza contro le donne.

La Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne ha anche un colore ufficiale , il ROSSO, per questo le scarpe rosse spesso vengono lasciate sulle piazze, come ricordo dei numerosi femminicidi.

Nei primi dieci mesi del 2018 sono già 106 le vittime di femminicidio in Italia.  #nonènormalechesianormale

Giulia F.

#noallaviolenzacontroledonne

Il fenomeno della violenza sulle donne è un problema che bisogna assolutamente annientare.

Nel mondo una donna su cinque (tra i 15 e i 44 anni) viene violentata fisicamente e sessualmente da parte di un uomo durante la sua vita.

Prima la violenza sulle donne avveniva solamente nei luoghi di guerra, nei Paesi dove c’è odio razziale, dove c’è povertà, ignoranza… ed invece si è diffusa anche da noi.

Nel 2007 un milione di donne sono state violentate in Italia: 62 uccise, 141 oggetto di tentato omicidio, 1.805 abusate, 10.383 vittime di violenze fisiche. Ma, ovviamente, nei Paesi più poveri ciò è molto più diffuso: in Kenia il 42% delle donne viene picchiato dal marito, in Nepal 10 mila ragazze ogni anno vengono vendute per essere prostitute, in Pakistan, se una donna denuncia il suo violentatore, deve avere quattro testimoni maschi e non può testimoniare lei stessa. Se non riesce a dimostrare la colpevolezza dell’aggressore viene incriminata, incarcerata o frustata in pubblico.

Il problema della violenza sulle donne è un esempio della condizione in cui si trova il mondo e che bisogna, insieme, sconfiggere…

L’UNIONE FA LA FORZA!

#nonènormalechesianormale

Irene

#nonénormalechesianormale

Ormai accade troppo spesso che una donna venga abusata fisicamente e psicologicamente che ci sembra normale ciò che non lo è. Io penso che sia giusto educare i propri figli al rispetto, alla gentilezza, alla cortesia verso le donne. Spesso quando sono a casa con la mia famiglia e guardiamo e ascoltiamo il telegiornale sentiamo brutti accaduti che riguardano le donne, allora mia madre dice (a me e a mia sorella) quando sente queste notizie, di stare attenti perché queste cose potrebbero accadere anche a noi stessi. Inoltre penso che i ragazzi che provano il vero amore siano colpiti dallo sguardo e dal sorriso e non dal fisico!!!

Davide

Giornata contro la violenza sulle donne

La scorsa settimana si è festeggiato il giorno contro la violenza sulle donne.

Le donne ai tempi subivano delle violenze e venivano trattate come se fossero degli animali e venivano anche molto sfruttate.

Possiamo ricordare che nel 1960  venne fatta una aggressione alle sorelle mirabal che per andare a trovare i mariti in carcere subirono un imboscata dal servizio segreto militare poi vennero torturate e uccise.

Ancora oggi ricordiamo questo evento molto brutto della aggressione che subirono le tre sorelle incolpevoli.

 

Leonardo Perno

 

Giornata mondiale contro la violenza sulle donne

Credo che le donne siano fondamentali nella società perché a loro è affidata maggiormente l’educazione dei figli e non sono diverse dagli uomini, anzi sono più importanti. Vanno protette più dei diamanti e chi le tratta male è proprio un codardo, una persona vile che non conosce e non sa quale è il verso giusto della vita. Gli uomini e le donne sono uguali perchè sono esseri umani e come tali hanno la stessa importanza.

gibran-mani

GIUSEPPE  L.

 

NO ALLA VIOLENZA CONTRO LE DONNE

Il 25 Novembre è stata “la Giornata Mondiale contro la violenza sulle donne” ed in giro ci sono state molte manifestazioni.

Risultati immagini per immagini no alla violenza sulle donne

Ad esempio sui Social è girato molto l’hastag: “#NONÈNORMALECHESIANORMALE” ed in televisione molte conduttrici si sono “disegnate” in viso il simbolo della violenza contro le donne: una riga rossa sotto l’occhio.

Questa giornata viene celebrata dal 25 Novembre 1960, quando 3 sorelle di nome Patria, Minerva e Maria Teresa Mirabal vennero uccise mentre andavano dai mariti. Queste 3 sorelle sono ancora oggi ricordate per le loro gesta contro la dittatura, infatti i loro assassini erano uomini a favore della dittatura.

Dopo la  loro morte il popolo si scatenò e alla fine riuscì a cacciare il dittatore Raphael Trujillo, contro le quali le 3 sorelle si erano tanto battute. In realtà avevano anche un’altra sorella di nome Dedè, che però non partecipò attivamente alla politica come le sorelle, e tutte e 4 erano soprannominate “Las Mariposas” ovvero “Le Farfalle” per la loro determinazione e bellezza.

Basta alla violenza contro le donne!

#NONÈNORMALECHESIANORMALE

Risultati immagini per immagini no alla violenza sulle donne

Alice III MEDIA

Almeno una volta nella vita

La violenza contro le donne è la violenza perpetrata e basata sul genere ed è  ritenuta una violenza dei diritti umani.La violenza di genere riguarda donne ma coinvolge anche minorenni, come ad esmpio nel corso della violenza assistita. Questa terminologia è usata sia a livello istituzionale che da persone e associazioni. Le donne tra i 16 e i 70 anni che dichiarano di aver subito la violenza almeno 1 volta nella vita sono 7 milioni

Grazie alla risoluzione ONU 54/134 del 1999

In ricordo delle tre sorelle Mirabal, Patria, Minerva e Maria Teresa, militanti dominicane violentate durante la dittatura, il 25 Novembre si celebra la giornata Internazionale contro la violenza sulle donne!Risultati immagini per simboli no alla violenza sulle donne.
Sfortunatamente anche tutt’oggi molte donne vengono violentate e maltrattate da uomini che non possono essere neanche chiamati uomini. Le sorelle Mirabal, donne di grande cultura e coraggio, fondarono durante la dittatura di Trujillo il “Movimento di 14 di giugno” che aveva come nome in codice Mariposas (Farfalle). Furono scoperte, violentate e il 25 Novembre vennero uccise a bastonate e poi rimesse nell’auto sulla quale stavano viaggiando, che vanno fatta precipitare da un dirupo per simulare un incedente
#NONE’NORMALECHESIANORMALE tutto ciò, la donna va amata e rispettata e non violentata. NO ALLA VIOLENZA SULLE DONNE.

Risultati immagini per simboli no alla violenza sulle donne.

BENEDETTA, III MEDIA.