STEVE JOBS E I GIOVANI

Questo è il discorso che Steve Jobs  fece ai giovani laureati all’università di Stanford:

“Sono onorato di essere qui con voi oggi alle vostre lauree in una delle migliori università del mondo. Io non mi sono mai laureato. Anzi, per dire la verità, questa è la cosa più vicina a una laurea che mi sia mai capitata. Oggi voglio raccontarvi tre storie della mia vita. Tutto qui: solo tre storie.”( preso dal sito; http://www.focus.it/cultura/steve-jobs-1956-2011-siate-affamati-siate-folli)

Il progetto Lisa fu avviato nel 1978 e, dopo una lunga gestazione, divenne un computer dedicato all’utenza professionale dotato di un’interfaccia grafica con mouse,icone e finestre che, per l’epoca, era una notevole innovazione.

PICCOLI ANEDDOTI

Questo nome è quello che viene attribuito al primo computer mondiale che Steve jobs aveva costruito con l’idea di usarlo nelle scuole. Molti pensano che sia il nome della figlia. Ci sono altre fonti che testimoniano diverso.

Lo stesso Jobs confermerà successivamente che il nome del computer è quello della figlia Lisa Brennan avuta da una relazione con Chrisann Brennan nel 1977

Questo ha dato via ad una serie infinita di computer che esistono ancora oggi.Una vera è propria “generazione”

In un’intervista esclusiva che non ha mai avuto grande risonanza mediatica, è stato chiesto a Jobs quale consiglio avrebbe dato a qualcuno che si fosse appena diplomato. Lui disse una cosa semplice, ma molto d’effetto: ‘A me piacerebbe trovare lavoro come cameriere o qualcosa del genere fino a quando non avrò  trovato quello che mi appassiona veramente’. La vita è troppo breve per passare un minuto di più a fare un lavoro che si odia o a lavorare per un capo che non trasmette passione. Come si fa a trovare la propria strada?  Ai giovanidirei quindi di concentrare questa passione, l’entusiasmo e la gioia di vivere nella scelta della carriera”.

Carlotta,Lorenzo,Brando

2 media

Annunci