I 60 ANNI DEI TRATTATI DI ROMA

Il 25 marzo 1957 a Roma, nella sala Orazi e Curiazi in Campidoglio, vennero firmati due Trattati, siglati per l’Italia dal Presidente del Consiglio di allora ANTONIO SEGNI: con essi furono istituite la CEE (Comunità Economica Europea) e L’EURATOM (comunità Europea dell’energia atomica). Essi entrarono in vigore negli stati membri il 1° Gennaio 1958.

Gli stati firmatari erano:  BELGIO, GERMANIA, FRANCIA, ITALIA, LUSSEMBURGO e PAESI BASSI.

I Trattati di Roma del 1957 rappresentano  il momento costitutivo della Comunità Europea.

COSA SONO E COSA PRETENDONO:

I Trattati di Roma, come abbiamo già detto, sono due e istituiscono rispettivamente la Comunità Economica Europea e la Comunità Europea dell’energia atomica.

Il più importante è il primo: come suggerisce il nome, questo nuovo organismo avrebbe avuto un ruolo prevalentemente economico, e sarebbe servito a promuovere una crescita stabile e duratura dei paesi che vi avevano aderito attraverso la formazione del marcato comune e l’armonizzazione delle leggi economiche statali.                                  Il provvedimento più importante previsto nel trattato fu l’eliminazione dei dazi doganali fra gli stati membri, cosa che consentì la creazione del cosiddetto ” mercato unito ” e fu la base per la successiva unità politica.                                                                                                  Il trattato, considerato ancora oggi una  delle ” colonne” della legislazione europea, fu poi modificato una prima volta dopo il trattato di Maastricht del 1992, e una seconda con il trattato di Lisbona del 2007.

Il secondo trattato, quello che istituì l’Euratom, aveva invece come scopo quello di coordinare i programmi di ricerca degli stati membri relativi  all’energia nucleare e assicurare che venisse usata per scopi pacifici: fu firmato dagli stessi stati che firmarono il primo ed è ancora vigente.

Nel sito dell’Unione europea è possibile consultare  la sezione sui Trattati con le informazioni dettagliate, le successive adesioni e modifiche, nonché la pagina sui Trattati attualmente in vigore.

Qui di seguito un filmato pubblicato dall’Ufficio d’informazione in Italia del Parlamento Europeo in occasione del 60°  anniversario della firma dei Trattati.

MASSIMILIANO/SOFIA/TOMMASO

 

1987 : nasce il progetto ERASMUS in Europa

ERASMUS sta per European Region  Action Scheme For The Mobility of University Students.

il programma prevede un soggiorno di studio all’estero da parte dello studente che ne fa richiesta. Molto popolare tra gli studenti universitari europei, è stato lanciato a partire dal 1987, attraverso una risoluzione comunitaria che prevede un programma di cooperazione europea nel campo dell’istruzione superiore.L’idea di permettere lo scambio tra studenti europei ebbe origine nel 1969, grazie all’intuizione dell’italiana Sofia Corradi ,pedagogista e consulente scientifico della Conferenza permanete dei rettori delle università italiane: questo ruolo le permise di far conoscere la sua idea in ambito accademico ed istituzionale.

Per molti studenti universitari europei il programma Erasmus offre l’ocRisultati immagini per erasmus europacasione per vivere all’estero in maniera indipendente per la prima volta. Per questa ragione è diventato una sorta di fenomeno culturale ed è molto popolare fra gli studenti universitari europei.

Il programma non incoraggia solamente l’apprendimento e la comprensione della cultura ospitante ma anche un senso di comunità tra gli studenti appartenenti a paesi diversi. L’esperienza dell’Erasmus è considerata non solo un momento universitario ma anche un’occasione per imparare a convivere con culture diverse, oltre che un momento in cui lo studente inizia ad assumere delle responsabilità.

Nel 2007 si festeggiò il ventennale del progetto Erasmus, in questa occasione la Commissione Europea e gli stati membri, organizzarono una serie di iniziative per celebrare questo evento che coincidette con il cinquantesimo anniversario dei Trattati di Roma.

Fino al 2014, quando lo hanno sostituito con ERASMUSPLUS, vi hanno aderito almeno 3,3 milioni di ragazzi.

III media:Irene,Livia,Filippo e Ludovico.

La nascita dell’EURO

L’Euro è la moneta utilizzata dalla maggior parte degli stati europei. Danimarca, Svezia e Gran Bretagna restano fuori. La moneta unica diventa ufficialmente la valuta dell’Unione Europea dal 1° gennaio 1998 e vive un processo di nascita che la porterà ad essere immessa nel 2001. Prima dell’Euro tutti i paesi coinvolti avevano monete differenti. Ad esempio:

Risultati immagini per lira

  • L’Italia aveva la Lira;
  • La Spagna la Peseta;
  • La Francia e il Belgio i Franchi;
  • La Germania e la Finlandia i Marchi;
  • L’Austria gli Scellini.

 

Il 1° gennaio 2002 le banconote e monete in euro sono state immesse in circolazione in dodici paesi. Questa colossale operazione è stata la più vasta conversione valutaria di tutti i tempi.

Risultati immagini per euro

L’euro è stato dato alle banche a partire dal 2002. I primi giorni del 2002 le nuove banconote e monete erano già ampiamente disponibili in tutti i settori; il 3 gennaio il 96% di tutti i distributori automatici di contante erogava biglietti in euro. Una settimana dopo la sua entrata in circolazione oltre la metà delle operazioni in contanti erano effettuate in euro.

Nell’estate 2015 la Grecia aveva provato a uscire dall’EURO per colpa della grave crisi interna che stanno affrontando. Tutto ciò però è stato impedito dall’Unione europea che con l’uscita della Grecia avrebbe subito gravi cambiamenti. Come abbiamo letto su “Il sole 24ore”:

“Ci sono elevate probabilità che questa volta la Grecia scelga di sua iniziativa di uscire dall’euro. Non nuovo a provocazioni, Malloch in un’intervista concessa a ‘Istories’ sul canale tv ellenico Skai, molto diffuso e seguito nel paese, ha anche detto che «il problema sarà chi dovrà gestire questa transizione e come riuscire ad evitare il caos e l’instabilità» e, in cauda venenum, che è probabile una «dollarizzazione» del Paese” (Vittorio Da Rold, 8 febbraio 2017, http://www.ilsole24ore.com/art/mondo/2017-02-08/ambasciatore-usa-designato-ue-la-grecia-uscira-dall-euro-192137.shtml?uuid=AEhCatQ )