Prima di tutto siamo PERSONE

Prima di tutto siamo un essere dotato di una propria identità e di coscienza di sé stesso.  Il concetto di persona esprime la singolarità di ogni individuo della specie umana in contrapposizione al concetto filosofico di natura umana che esprime ciò che hanno in comune. Inoltre ogni uomo esprime la propria libertà mettendo in atto le proprie facoltà.

L’esempio di persona, è l’essere umano stesso che esprime principalmente un concetto filosofico. L’uomo non può esprimere pienamente il  suo essere persona se non si può pensare ad un uomo chiuso e che non si relaziona col mondo. Tutti dobbiamo essere considerati soggetti ed evitare di considerare gli altri oggetti della nostra volontà. Ogni uomo deve essere considerato fine e non mezzo per altri scopi. La natura dell’uomo è quella di essere un individuo fatto per stare con altri individui. A differenza degli altri animali, l’uomo non possiede armi di sopravvivenza come corna, rivestimenti  di peli …  All’uomo è donata invece la ragione per cui è capace di svolgere queste opere per mano propria. In conclusione l’uomo vive per stare in società e aiutare il prossimo.

 

Flavia,Flavio,Tito

 

Dichiarazione Diritti Umani e Diritti Online

Confrontando la Dichiarazione dei diritti umani con i diritti online, possiamo trovare alcune similitudini.

Per esempio confrontando l’articolo 24 della Dichiarazione dei diritti umani con l’articolo 3 dei diritti online (ho il diritto di partecipare, divertirmi e trovare tutte le informazioni adeguate alla mia età). Possiamo dire che sono due articoli che si completano a vicenda e che riteniamo giusti, perché dicono che abbiamo il diritto di divertirci, riposarsi, di trovare tutte le informazioni adatte alla nostra età e di non essere sfruttati. Ovviamente sempre rispettando le persone che ci stanno intorno. Confrontando sempre l’articolo 3 dei diritti online con l’articolo 27 della Dichiarazione dei Diritti umani. Osserviamo, che entrambi vogliono esprimere il concetto che ogni cittadino deve essere partecipe della vita culturale e deve essere consapevole di ciò che lo circonda. Ma che significa essere cittadini nella società di oggi? Noi oggi siamo cittadini d’Italia, d’Europa, del mondo e anche dei media.

Paragonando la prima parte dell’articolo 20 della Dichiarazione dei diritti umani con il 4 dei diritti online (ho il diritto di esprimermi liberamente quando sono online sempre nel rispetto degli altri). Pensiamo che partecipando liberamente ai social network bisogna esprimere la propria opinione, sempre onorando la libertà degli altri. Riferendoci alla famosa frase di Martin Luther King noi dobbiamo rispettare la libertà degli altri ovunque,anche sul web.

Confrontando l’articolo 3 della Dichiarazione dei diritti umani con il 1 dei diritti online(ho il diritto di proteggere  la mia identità  online). Possiamo dire che la sicurezza di ogni individuo e’  molto importante. E che devo proteggere la mia identità  non solo su internet ma nella vita di tutti i giorni.

-Gruppo video IIIB-

SIETE SICURI CHE ANDARE SUL WEB SIA SEMPRE DIVERTENTE?

MOLTE VOLTE SU INTERNET E SUI VARI SOCIAL NETWORK, MOLTI PROFILI VENGONO RUBATI. QUESTO VIENE CHIAMATO FURTO D’IDENTITÀ.’ IL FURTO D’IDENTITÀ VIENE MANIFESTATO IN TANTI MODI,COME AD ESEMPIO ALCUNE PERSONE CREANO PROFILI SOTTO FALSO NOME PER INGANNARE E VIOLARE LA PRIVACY DI ALTRI. NEI CASI PEGGIORI SI TRATTA DI ADULTI MALINTENZIONATI CHE VOGLIONO FARE DEL MALE A RAGAZZI E RAGAZZE. A VOLTE QUESTI ADULTI SONO (PURTROPPO) PEDOFILI, CHE VOGLIONO AVVICINARSI, SOTTO FALSO NOME, ALLE LORO ”FUTURE VITTIME”. ABBIAMO CHIESTO A MOLTI COMPAGNI INFORMAZIONI, ABBIAMO CONSULTATO FAMILIARI ED AMICI, ED ALLA FINE E’ USCITA FUORI QUESTA TESTIMONIANZA: “UN GIORNO COME UN ALTRO, HO EFFETTUATO L’ACCESSO A FACEBOOK, E MI SONO MESSO A FARE UN GIOCHINO DOVE BISOGNA COSTRUIRE UNA CITTA’, MA QUESTO NON E’ IMPORTANTE. QUANDO HO CHIUSO IL GIOCO, HO TROVATO UNA STRANA SORPRESA: MI CHIAMAVO   P.ALBERTO. OLTRE A QUESTO, PERO’,NON C’ERA NULLA DI STRANO: POTEVO SEMPRE CHATTARE, NON AVEVO STRANE RICHIESTE DI AMICIZIA, QUINDI MI SONO LIMITATO AD INVIARE MESSAGGI AI MIEI ‘AMICI’ DOVE DICEVO CHE ERO ANCORA IO. MA NON POTEVO IMMAGINARE CHE LA COSA SAREBBE PEGGIORATA IN QUESTO MODO… DOPO DUE GIORNI, HO RIAPERTO IL SOCIAL NETWORK ED HO TROVATO SCRITTO CHE TRE PERSONE CHE NON CONOSCEVO AVEVANO ACCETTATO DELLE RICHIESTE DI AMICIZIE DA ME MAI INVIATE. LA COSA E’ PEGGIORATA, NON POTEVO PIU’ INVIARE MESSAGGI, ALCUNI AMICI SONO SPARITI… ALLA FINE HO DECISO DI CHIUDERE IL PROFILO, CAMBIANDO LA PASSWORD. DA QUESTA STORIA HO CAPITO CHE INTERNET PUO’ ESSERE MOLTO PERICOLOSO, E CHE NON BISOGNA FARE COSE NON ADATTE ALLA PROPRIA ETA’.” IL FURTO DI IDENTITA’, ANCORA OGGI MOLTO DIFFUSO, E’ UN FENOMENO DA ELIMINARE: SE TROVATE QUALCOSA DI STRANO NEI PROFILI VOSTRI E  DEI VOSTRI CONOSCENTI, RIMUOVETELO O CHIEDETE AIUTO ALLA POLIZIA POSTALE.  SOLO COSI’ POTREMMO DIFENDERE LA NOSTRA PRIVACY ED I NOSTRI DIRITTI ONLINE. pietro, martina, tharani, tamara.  🙂