chi ha detto che una telefonata allunga la vita?

Il 3 Aprile di 40 anni fa (1973) fu fatta la prima telefonata con il telefono cellulare da Martin Cooper. Nei primi anni erano molto costosi, il primo telefono cellulare costava 9000$ e per questo la diffusione era limitata, quindi avere un telefono era raro mentre oggi ci sbalordiamo di chi non ce l’ha. Infatti oggi i ragazzi lo usano troppo e non possono stare più di 30 minuti senza.

vbnm,

Abbiamo letto che l’uso non appropriato del telefono cellulare può causare seri danni alla salute e al nostro cervello e può causare dei tumori alle ghiandole salivari inoltre il telefono cellulare manda delle onde elettromagnetiche al nostro corpo e cervello. Il telefono cellulare non si dovrebbe usare durante la guida perché è contro la legge e oltre tutto causa la maggior parte degli incidenti stradali.

Baby-cell-phone-toy
L’utilizzo dei telefoni cellulari è spesso vietato negli ospedali e negli aerei (se non con modalità aerea) per problemi di compatibilità elettromagnetica.Uno dei lati positivi del telefono cellulare è che serve per comunicare da un lato all’altro del mondo,oppure per comunicare tra figli e genitori così non si preoccupano.

Bisognerebbe anche conoscere il commercio illecito di alcuni materiali rari e costosissimi che compongono gli smartphone.

Ecco dove nascono le marche più diffuse nel mondo.

Visualizing Africa's Coltan Trade

Visualizing Africa’s Coltan Trade (Photo credit: Jon Gosier)

Stati Uniti: Apple
Taiwan: HTC
Corea del Sud: LG
Stati Uniti: Motorola
Europa/ Finlandia: Nokia
Canada: BlackBerry Limited
Corea del Sud: Samsung
Giappone: Sony Mobile Communications
Giappone: Toshiba
Giappone: Panasonic

Virginia,Flavia ed Emilia

Annunci

Lettere a Papa Francesco

Carissimo Papa Francesco,

siamo due ragazzine della scuola secondaria “Rossello” di Roma; ci tenevamo a farle sapere tutta la gratitudine che proviamo verso di lei. A nostro parere, in quanto papa, è stato molto coraggioso nel scegliere il nome Francesco, ispirandosi a Santo d’Assisi. Prima eravamo troppo piccole per ricordarci il passaggio tra Giovanni Paolo II e Benedetto XVI, essendo nate nell’anno 2000 è stata la prima volta che abbiamo assistito con entusiasmo e attenzione all’elezione del nuovo papa…anche se questa è una elezione molto speciale!

Proprio grazie alla sua dolcezza e fedeltà ha avvicinato molte persone non credenti alla fede.

Una delle tante cose che più ci piace di lei, è la sua semplicità nell’affrontare la vita,non vestirsi troppo sfarzoso, dare l’esempio e superare ogni difficoltà con amore e serenità.

Lei ha conosciuto da bambino, come noi, le suore Figlie di Nostra Signora della Misericordia (di Santa Maria Giuseppa Rossello). Per questo la nostra scuola è veramente orgogliosa di avere un Papa come lei.

Lavinia & Chiara

papa francesco

Caro Papa Francesco,
la sorpresa è stata grande quando lei si è affacciato alla finestra,e ha saputo conquistare i cuori di tutti i fedeli con la sua semplicità e cortesia.
L’emozione è stata forte,soprattutto perchè nessuno aveva previsto la sua ”entrata in scena”sul palco vestito di BIANCO, con il ruolo da protagonista;ma nonostante ciò è riuscito ad infondere fiducia non solo ai seguaci della chiesa cattolica ma anche al resto del Mondo e tutto in una sola notte.
La sua infanzia è simile alla nostra;anche noi stiamo crescendo in una scuola di suore,Figlie di Nostra Signora della Misericordia ovvero di S.Maria Giuseppa Rossello che lei ha conosciuto ai tempi della scuola materna. Le suore ci accompagnano nel ”cammino”degli studi,abbiamo quindi qualcosa in comune all’infuori della preghiera che ci ha aiutato a crescere.
Per noi è importante credere in lei per questo ci uniamo alla sua PREGHIERA.

Teresa, Caterina & Melusina 🙂

Rubrica: Domande & Risposte

domanda: – Papa Francesco, anche tu come Ratzinger sarai così rivoluzionario? Anche tu pensando a noi ragazzi, sarai capace di fare un “Divino Passa Parola” nel web?

risposta:  – Speriamo di si! Ora sarai tu a doverci guidare!

Razzismo nello sport…. e in generale

Il razzismo sta a significare l’odio o l’intolleranza per le persone di una razza diversa e di una diversa capacità sia dal punto di vista intellettuale che fisico. Un vero e proprio disprezzo per la diversità.

Molti episodi di razzismo succedono anche nello sport. Ultimamente è stato pesantemente offeso un calciatore del Milan Kevin Prince Boateng per il colore della sua pelle. Il razzismo non nacque nel medioevo nel rinascimento o nell’illuminismo ma nel “900 e Adolf Hitler è stato il personaggio principale che lo ha fatto diffondere. Gli Ebrei nella seconda guerra mondiale, erano perseguitati.

razzismo sport

 

Alcune persone ancora adesso sono razziste; come quella professoressa di storia che, in una sua lezione, riferendosi ad una studentessa, ha dichiarato che sarebbe stato meglio se fosse ritornata nei campi di sterminio in Germania. Gli adulti dovrebbero dare l’esempio ai ragazzi della nostra età e invece sono i primi che sbagliano; tuttavia ci sono molte professoresse, che danno un buon insegnamento. Con questi esempi negativi la popolazione invece di migliorare sarà sempre più ignorante e nel futuro accadrà sempre più spesso questo fenomeno negativo. Bisogna avere quindi molta cultura e senso di responsabilità affinchè il fenomeno del razzismo venga sconfitto

Riccardo Manlio e Matteo

Parliamo del bracconaggio

15.000 animali uccisi per provare gli effetti, già noti, di un estratto epatico.

Centinaia di scimmie completamente immobilizzate per mesi e mesi (talvolta anche per anni) dagli apparecchi di contenzione e fatte impazzire finché non si manifestarono i sintomi dell’epilessia (convulsioni, schiuma alla bocca, ecc….).
Questo é un esenpio di come le persone se ne fregano di cio che fano alla natura

Le persone pensano che la caccia sia uno sport divertente ma é solo un massacro sensa senso e ingiusto dove gli animali ne soffrono le ingiustizie

Trattate bene i vostri animali

“I “botti” della notte di San Silvestro possono provocare danni gravi agli animali domestici e causarne la morte, come dimostrato anche dai dati dall’Aidaa diffusi da TerraNuova. A lanciare l’allarme è anche la Lav (Lega antivivisezione) che  chiede ai sindaci di emanare ordinanze di divieto all’utilizzo di petardi, botti e artifici pirotecnici di ogni genere sul loro territorio (tanti lo hanno già fatto)

I forti rumori – spiega la Lav – sono fonte di pericolo per gli animali poichè li gettano nel terrore, inducendoli a reazioni istintive e incontrollate, come fuggire in strada mettendo seriamente a repentaglio la propria incolumità e quella degli altri”. Anche per gli animali selvatici il problema è grave: improvvise detonazioni causano negli uccelli in riposo sui posatoi notturni istintive reazioni di fuga che unite alla mancanza di visibilità diventano mortali. La prima raccomandazione è di dare “il buon esempio, non usando botti o petardi neppure in un angolo del giardino, sul

terrazzo o in strada”, evitando di lasciare gli animali all’aperto” 

corriere

Alessandro  (basta test)

 

 

SIETE SICURI CHE ANDARE SUL WEB SIA SEMPRE DIVERTENTE?

MOLTE VOLTE SU INTERNET E SUI VARI SOCIAL NETWORK, MOLTI PROFILI VENGONO RUBATI. QUESTO VIENE CHIAMATO FURTO D’IDENTITÀ.’ IL FURTO D’IDENTITÀ VIENE MANIFESTATO IN TANTI MODI,COME AD ESEMPIO ALCUNE PERSONE CREANO PROFILI SOTTO FALSO NOME PER INGANNARE E VIOLARE LA PRIVACY DI ALTRI. NEI CASI PEGGIORI SI TRATTA DI ADULTI MALINTENZIONATI CHE VOGLIONO FARE DEL MALE A RAGAZZI E RAGAZZE. A VOLTE QUESTI ADULTI SONO (PURTROPPO) PEDOFILI, CHE VOGLIONO AVVICINARSI, SOTTO FALSO NOME, ALLE LORO ”FUTURE VITTIME”. ABBIAMO CHIESTO A MOLTI COMPAGNI INFORMAZIONI, ABBIAMO CONSULTATO FAMILIARI ED AMICI, ED ALLA FINE E’ USCITA FUORI QUESTA TESTIMONIANZA: “UN GIORNO COME UN ALTRO, HO EFFETTUATO L’ACCESSO A FACEBOOK, E MI SONO MESSO A FARE UN GIOCHINO DOVE BISOGNA COSTRUIRE UNA CITTA’, MA QUESTO NON E’ IMPORTANTE. QUANDO HO CHIUSO IL GIOCO, HO TROVATO UNA STRANA SORPRESA: MI CHIAMAVO   P.ALBERTO. OLTRE A QUESTO, PERO’,NON C’ERA NULLA DI STRANO: POTEVO SEMPRE CHATTARE, NON AVEVO STRANE RICHIESTE DI AMICIZIA, QUINDI MI SONO LIMITATO AD INVIARE MESSAGGI AI MIEI ‘AMICI’ DOVE DICEVO CHE ERO ANCORA IO. MA NON POTEVO IMMAGINARE CHE LA COSA SAREBBE PEGGIORATA IN QUESTO MODO… DOPO DUE GIORNI, HO RIAPERTO IL SOCIAL NETWORK ED HO TROVATO SCRITTO CHE TRE PERSONE CHE NON CONOSCEVO AVEVANO ACCETTATO DELLE RICHIESTE DI AMICIZIE DA ME MAI INVIATE. LA COSA E’ PEGGIORATA, NON POTEVO PIU’ INVIARE MESSAGGI, ALCUNI AMICI SONO SPARITI… ALLA FINE HO DECISO DI CHIUDERE IL PROFILO, CAMBIANDO LA PASSWORD. DA QUESTA STORIA HO CAPITO CHE INTERNET PUO’ ESSERE MOLTO PERICOLOSO, E CHE NON BISOGNA FARE COSE NON ADATTE ALLA PROPRIA ETA’.” IL FURTO DI IDENTITA’, ANCORA OGGI MOLTO DIFFUSO, E’ UN FENOMENO DA ELIMINARE: SE TROVATE QUALCOSA DI STRANO NEI PROFILI VOSTRI E  DEI VOSTRI CONOSCENTI, RIMUOVETELO O CHIEDETE AIUTO ALLA POLIZIA POSTALE.  SOLO COSI’ POTREMMO DIFENDERE LA NOSTRA PRIVACY ED I NOSTRI DIRITTI ONLINE. pietro, martina, tharani, tamara.  🙂

Good news

Lo sport è una competizione giocosa e divertente dove tutti i partecipanti si dovrebbero rispettare fra di loro, ma purtroppo il razzismo è esiste fin dai tempi dall’antica Roma (infatti i romani torturavano molto gli ebrei…e non era un gioco)
Ancora adesso si compiono gesti di razzismo, in particolare nello sport. Qualche tempo fa si è visto un gesto di razzismo nei confronti del calciatore Kevin Prince Boateng: calciatore del Milan. Questo gesto molto brutto è stato realizzato e soprattutto visto in una partita di calcio contro il Pro Patria.

Ma c’è stato un momento nella storia su cui dovremmo riflettere…

Le prime olimpiadi furono verificate nel 1936 per dimostrare che la Germania aveva il dominio della razza Ariana. Jesse Owens (un uomo di colore) rovinò tutto dimostrando di essere il miglior corritore.

Noi ragazzi vogliamo avere un futuro positivo, ma questo non è possibile se per prima i giornali non portano buone notizie.

ATTENTATO A BOSTON

QUALCHE GIORNO FA, ABBIAMO SAPUTO DELLA TRAGEDIA AMERICANA DELLE BOMBE CHE HANNO COLPITO LA MARATONA DI BOSTON, DOVE SONO MORTE 3 PERSONE E FERITE 130 CIRCA.

Risultati immagini per attentato torri gemelle

foto Attentato alle torri gemelle

11 SETTEMBRE 2001
DUE AEREI, UNO DELL’AMERICAN AIRLINES E L’ALTRO DELLA UNITED AIRLINES
SI SCHIANTANO CONTRO LE TORRI GEMELLE DELLA WORLD TRADE CENTER
A NEW YORK.
IL PRIMO ERA DIRETTO A LOS ANGLES, CALIFORNIA E HA PRODOTTO BEN 92 VITTIME.
IL SECONDO, SEMPRE DIRETTO A LOS ANGLES PRODCE BEN 62 DI VITTIME.

Tecnologie indossabili…da chi?

Per “tecnologie indossabili” si intendono tutte quelle tecnologie sviluppate e adattate per essere indossate dall’uomo.

Google Glass, i futuristici occhiali presentati da Google un anno fa ed ora in fase di sviluppo. Questi occhiali saranno dotati di molteplici funzioni.

Google Glass, i futuristici occhiali presentati da Google un anno fa ed ora in fase di sviluppo. Questi occhiali saranno dotati di molteplici funzioni.

Ho letto che tali sistemi sono studiati per: aiutare e agevolare la persona nelle sue azioni, rendere le informazioni accessibili in qualsiasi momento, Interagire costantemente con il fruitore, non creare disturbo e intralcio per chi le indossa, essere un tutt’uno con il corpo. Ci stiamo spostando verso tecnologie sempre più pervasive e presenti ovunque, in ogni oggetto del nostro quotidiano. Sembrano essere assai di moda in questo periodo e trovano nello sport il loro campo di sviluppo perfetto.

Il braccialetto Nike + Fuelband, un gadget  impermeabile dotato di  indicatore a LED numerico e colorato, una vera e propria “barra di caricamento dell’energia” che come in un videogioco ci mostra chiaramente quanto siamo vicini al nostro obiettivo di allenamento

Il braccialetto Nike + Fuelband, un gadget impermeabile dotato di indicatore a LED numerico e colorato, una vera e propria “barra di caricamento dell’energia” che come in un videogioco ci mostra chiaramente quanto siamo vicini al nostro obiettivo di allenamento

 Ci sono addirittura delle persone che “trasformano” le tecnologie in loro possesso in tecnologie indossabili, come Dave Hurban, un tatuatore, che si è impiantato dei magneti nel braccio per poter portare sempre al polso il suo iPod Nano e ha chiamato la sua invenzione “iDermal”.

Ma siamo sicuri che queste invenzioni ci aiutino veramente nella vita di tutti i giorni? Siamo sicuri che non invadano la nostra quotidianità? A primo impatto sembra di no, ma se guardiamo bene possiamo scoprire che le persone che le usano stravolgono la loro vita. Con le tecnologie indossabili in futuro potremmo sembrare tutti dei “robot”. Ma perchè ci affanniamo a diventare delle macchine? Ci andreste mai in giro con queste tecnologie? Io sì, ma senza eccedere perchè penso che possano migliorarmi la vita, ma bisogna stare attenti a non diventare dei cyborg.

Gioportiere

Lettere a Dio e al Papa

Caro Dio,

Ti scrivo questa lettera per dirti quanto ti voglio bene e quanto ti adoro. Voglio parlarti un po’ come se tu fossi mia madre.
Io credo in Te anche se sono circondato da gente che non crede o che si vergogna. Credo in Te anche se il mondo è pieno di cattiveria e di male e so che non è colpa tua. Noi ci conosciamo perché io ti prego sempre e Tu ricambi molto più del dovuto. Scusa se qualche volta metto in dubbio la tua presenza, sappi che ti voglio molto bene. Cercherò di conservare la mia fede, crescendo non voglio allontanarmi da te.
Voglio ringraziarti per quello che fai per me. Ti ringrazio tanto per avermi aiutato a vivere una vita serena e tranquilla e per avermi aiutato a superare gli ostacoli. Anche se non ti vedo, sento la tua presenza e mi sento sollevato nei momenti di tristezza. Non sempre riesco a seguire le tue orme, ma ti ammiro e voglio essere come te. Grazie per avermi fatto nascere sano e meraviglioso. Ti voglio una infinità di bene. Tu per me ci sei sempre stato e sei sempre stato mio amico, anzi l’unico amico che mi sta sempre vicino. Ti ringrazio per avermi donato uno splendido universo, la notte colorata di blu e di bianche luci che brillano nel cielo come un elegante vestito di brillantini, per avermi donato il giorno dove ogni mattina splende un magnifico sole luminoso che ci riempie la giornata di pace, l’alba quando il cielo si colora di rosso chiaro, il mare cristallino, gli animali che portano tenerezza, i fiori profumati, la brezza che sfiora lentamente il viso. Solo tu sei così immensamente buono da perdonare ogni persona, anche quella più malvagia che si pente. Solo tu sei così buono da voler bene anche a chi non crede in te.
Ti ringrazio per tutto quello che mi hai dato, anche per le sofferenze. Ti chiedo però di aiutare me e la mia famiglia a superare questo dolore immenso che ci affligge. Ci sono dei brutti pensieri che cerco di scacciare in modo definitivo. Aiutami a farlo. Però, Signore, fai secondo la tua volontà, non la mia. Sono sicuro che cerchi di aiutarci ma sono consapevole della libertà che ci hai dato. Quando ero piccolo pensavo fosse solo un bene, ma ora mi rendo conto che non è solo così.
Io ho un nonno su con te che mi ha voluto tanto bene e gliene ho voluto anch’io. Vorrei che tu lo riportassi qui sulla terra per riabbracciarlo. E‘ bello però sapere che è con te in un posto dove si è felici, dove è l’amore che regna, dove si è veramente fratelli.
Signore, io credo in Te, ma certe volte penso: ma se Dio non esiste e uno muore, che cosa succederà, che fine farà?
Ma poi mi dico: “Ma cosa penso,dico solo stupidaggini, se io credo in Dio, ci devo credere e basta”. Signore io ti voglio un bene dell’anima e ti voglio dire che sei la cosa più importante per me.
Voglio stare con Te in Paradiso quando saranno finiti i miei giorni. Voglio conoscerti e chiederti tante cose. Quando morirò ti potrò conoscere e il mio desiderio si avvererà. Non voglio perderti, desidero rimanerti sempre accanto.
Una parte di me è felice perché si accorge che tu mi proteggi e mi vuoi bene, ma un’altra parte di me è triste perché si sente vuota come se tu non fossi con me per aiutarmi. Allora penso alle cose che mi accadono e mi verrebbe voglia di domandarti: “Perché fai accadere fatti che mi confondono?”. Perché non ci sei quando ci servi? Me lo sono sempre chiesto e l’unica risposta che ho trovato è che devi far correre la vita e la vita è piena di sofferenze e Tu non la puoi semplificare…Visto che sei Onnipotente perché non fai cessare la povertà e la guerra?
Se Tu vuoi farmi capire qualcosa allora ti prego cerca di essere più diretto, perché tu mi conosci meglio di tutti e sai come sono fatto. A volte mi chiedo perché sia così difficile e strana la vita, perché si fanno sempre le stesse cose e le giornate sono uguali e non cambia mai nulla. In questa vita così monotona capita sempre di tutto e allora mi chiedo se tu sei sempre lì accanto a me per proteggermi. Certe volte vorrei scomparire per non vedere più nulla ma poi mi dico che è inutile sprecare la vita per cose insignificanti. Ti prego di proteggermi sempre. Stammi vicino perché credo di averne davvero bisogno. Quando mi sento solo, ho voglia di parlare con qualcuno e so che nessuno mi capirebbe mi piace parlarne con te, so che tu mi capisci.
A volte ti chiedo cose sciocche ma la cosa che ti chiedo veramente è l’amore nella mia famiglia. Aiutami. Ogni notte ti parlo e a volte ho dei dubbi. Sono già tre anni che ti chiedo ogni sera la stessa cosa e tu non mi ascolti. Sai quello che penso di Te. La notte penso sempre a tutti i miei problemi. Che devo fare? Mandami un segnale. Ho bisogno di un aiuto. So che tu hai sofferto molto, quindi aiutami a soffrire, aiutami a sopportare tutto il dolore provocatomi dai continui litigi fra i miei genitori.
Concludo dicendoti che la mia fede in Te è fortissima e continuerà ad esserlo. Ciò che ho scritto esce direttamente dal cuore e spero che tu lo accolga e che ti possa piacere.

I ragazzi e le ragazze della scuola secondaria di I°

 

Carissimo Papa Francesco,

siamo due ragazzine della scuola secondaria “M. G. Rossello” di Roma; ci tenevamo a farle sapere tutta la gratitudine che proviamo verso di lei. A nostro parere, in quanto papa, è stato molto coraggioso nel scegliere il nome Francesco, ispirandosi a Santo d’Assisi. Prima eravamo troppo piccole per ricordarci il passaggio tra Giovanni Paolo II e Benedetto XVI, essendo nate nell’anno 2000 è stata la prima volta che abbiamo assistito con entusiasmo e attenzione all’elezione del nuovo Papa…anche se questa è una elezione molto speciale!

Proprio grazie alla sua dolcezza e fedeltà ha avvicinato molte persone non credenti alla fede.

Una delle tante cose che più ci piace di lei, è la sua semplicità nell’affrontare la vita,non vestirsi troppo sfarzoso, dare l’esempio e superare ogni difficoltà con amore e serenità.

Lei ha conosciuto da bambino, come noi, le suore Figlie di Nostra Signora della Misericordia (di Santa Maria Giuseppa Rossello).

Per questo la nostra scuola è veramente orgogliosa di avere un Papa come lei.

Lavinia & Chiara

Energy Bits Video Challenge: Abbiamo detto la nostra sull’Energia! :))))))))))))))))))))))))))))))

Il progetto Energy Bits è stato molto divertente e impegnativo per la nostra classe. Ci siamo divertiti a pensare, montare e a girare il video. Secondo noi il progetto è molto intraprendente, ma allo stesso tempo molto utile per dei ragazzi come noi. In certi punti del progetto è stata dura (come nel momento dello storyboard ) ma poi ci è subito piaciuto perché abbiamo iniziato a girare i video. La nostra classe si è divisa in 4 gruppi, in cui ognuno si occupava di un argomento.

Il primo si occupava del risparmio energetico: hanno intrapreso un progetto molto intrigante ed educativo, io non facevo parte di questo gruppo ed all’inizio non pensavo che fosse un argomento così interessante perché la loro organizzazione mi aveva suscitato dei dubbi, ma .il loro motto era “Yes we can”


Ma come al solito “non si giudica un libro dalla copertina”, infatti il loro progetto una volta completato, a detta di tutti, è un ottimo progetto.

Anche il mio gruppo,che si occupava del riciclo all’inizio ha avuto dei problemi, per questo, per completare il nostro video c’è voluto più di un mese, finché io e qualche altro mio compagno abbiamo detto “basta”e così ci siamo riuniti per finire il video una volta per  tutte, il nostro video si chiamava “Save the world”


Ci sono stati  molti altri video venuti da tutta Europa (Grecia, Spagna, Germania, Francia, Belgio, Slovenia, Repubblica Ceca, Gran Bretagna) ma secondo noi, senza farcene un vanto, i video che ha realizzato la  IIA potrebbero anche vincere il concorso.

Tanti saluti dal giornalino della scuola Rossello.
MARTINO, ALESSANDRO ,FEDERICO.